'E POESIE MÉE RETROVATE-

'E POESIE MÉE RETROVATE

 

SALUTE A TUTTI! 'GNI TANTU RECICCIULO...FINGHÉ JE LA FACCIO!
HO DECISU DE METTE A STA PAGGINETTA QUÉLLO CHE M'ÉA PERZU..E QUELLO CHE NON SACCIO DÒ METTE

SE 'E VOLETE LEGGE TUTTE DE TUTTI IATE A 
POESIE

ECCO, IMMECE, QUELLO CHE VE VURRIA FA SINDÍ

 
                                           C. Pascarella LA SCOPERTA DE L'AMERICA
                                              P. Camilli  U VIRU RATTU D'E SABBINE 

NON TUTT’ER MALE VIÈ PE NOCE?

Dico che la Natura s’è stufata
de èsse vilipesa e maltrattata:
ecco perché ce crea un nemico
che lo è pure a chi nun c’è amico!
Così che pé sconfiggelo de certo,
li du nemichi cercheno er concerto:
lasseno perde de fasse la guerra
e s’uniranno pé sarvà la Terra!
Quindi non tutto er male viè pé noce,
se unisce Mezzaluna co la Croce!
Speramo che ‘sta cosa dia l’esempio
a chi pé fa quatrini fa lo scempio
de ogni cosa e de chiunque sia,
e quest’idea nun resti un’eresia!
Speramo lo capisca ‘gni persona
ch’inzozzà tutto nun è cosa bona;
che insino a la più piccola fojetta,
bisogna che ognuno la rispetta!
Speramo che ‘sto male che ce strazzia,
ce serva a ritrovà la bona grazzia!
                                        Pierluigi Camilli

 

ALLA CAPESSA TEDESCA
Moricone 14 maggio 2020

Ner milleottocencinquantadue
er Giusti pubblicò, ner Sant’Ambogio,
‘na frase vera che, sangue d’un bue
ancora oggi è com’un orologgio!
E quest’odio che mai non avvicina

il popolo lombardo all’alemanno,
giova a chi regna dividendo, e teme
popoli avversi e affratellati insieme!”

Ma come?!Stamo su la stessa barca,
pé scovà er nemico de noi tutti,
e tu continui a ffacce l’erisiarca,
cercanno d’araccojece li frutti?
Adenauer s’ariggira ne la tomba
e Spinelli già da un pezzo l’avrà fatto!
Tutti bravi a soffià drento la tromba:
ma l’Europa rimane un  frutto sfatto,
margrado sia verde e acerbo
e ventisette rami l’alimenta!
Mia bella Frau, me trovi lei er verbo
pé dimostrà ch’er nostro Giusti  menta!
                                    Pierluigi Camilli


 


DIECI MAGGIO 2020


Ma có sti chiar de luna che ciavemo,
sicuramente quarche cosa sfugge;
a sta sempre rinchiusi nun sapemo
oggi che giorno è: e ce distrugge!
Tra le antre cose, manco m’ero accorto
che oggi è la Festa de la Mamma!
Sta cosa, un po’, dovrebbe dà conforto:
a li tempi de mì nonna, era un dramma
perché l'unica festa che faceva
era solo la notte, e manco sempre,
quanno gnent'antro attorno succedeva.
Persino er venticinque de dicembre,
de rado có noantri se sedeva,
doppo er cenone. Ereno antre tempre!
È bello che 'sta storia sia finita,
armeno, dimo, pé la maggioranza:
ce sta quarcuna ancor intimidita
dall'omo che cià innata tracotanza!
Innata poi...! Ce l'hanno fatto crede:
penzamo un poco ar fatto de la mela...
Se tracotante, lui, poteva cede?
Rimase invece avvolto ne 'la tela!
L'omo sarebbe forte? Quanno mai!?
Si a fa li fij fusse stato lui.....
è mejo a nun penzacce: sai li guai!
Fortuna che li fij li fa Mamma:
coi Papà, saremmo ancora all'anni bui;
có le Mamme, rimane un po' de fiamma!

AFFETTUOSAMENTE ALLE MAMME

Pierluigi Camilli


IO CE PROVO….CHI ‘Ó SA!?ù
3 MAGGIU 2020

Se tu sapissi, caru Pérticara,
se quanda gende me da picciu spissu,
perché io scrivo ‘a sta manèra rara,
tantu pé dinne una: piribissu!
Te ne recórdi, spero, che vordine…
Non te ne recórdi!?!  ’O vidi allora?
Però scommetto ‘ó sa che è “woodbine”,
“Flattax” eppó “ jobact” e tante ancora!
E piribissu ch’ène u trottolinu
non ‘ò sapemo più! Però è normale
che un contrattu p’esse sopraffinu
cià da mmischià parole da l’ingrese!
Eh! Perticara meu sa che distinu!
Ma non è mejo ‘ó murricónese?[1]
                               Pierluigi Camilli

 

[1]) palommarese, montefraviese, reatino, tivulese, eugubino, ecc ecc.





SPARTITORE SPARTI BENE...

Ma i modi de dì, so ‘nduvinati?
Quante vòte l’hó ittu: quist’è un munnu
che, come ciau ‘mparatu l’andenati,
chi non za navicà se ne v’affunnu.
Chi fa ‘o mèle e non ze lécch’e deta,
resurda propiu ch’è so gran frignuni!
Se muti l’oju, non sarrai profèta
se sa che te panugni i carzuni
.
Potemo siguità pé ore e ore
finu che ‘nge stufemo de parlane,
finu che règge u fiatu cou core.
‘Ste cóse ciau portatu a bozzane
chi truffa , rrubba e ce da dolore;
a l’onéstu remane un tocciu ‘e pane!
                                  Pierluigi Camilli





COME DICEA MAMMA

Come dicea mamma:
u più pulitu port’a rogna;
‘o sa qual’è u dramma?
Mai gniciunu se vergògna!
Ce battu pure cassa;
a faccia no  je se fa roscia;
gniciunu i sconcassa 
e a chi ce prova je va moscia:
perché chi va e commanna,
ce va che s’è già preparatu
e mo che tè a manna
e vistu che j’è capitatu,
fa quéllo d’eó mèle:[1]
se ‘o té mmani, lecca ‘e dèta
senza tante sequèle
senza che fa tantu u scèta[2]

                          Pierluigi Camilli

 

[1] Chi tene ‘o mele mmani e non se lecca ‘e deta
è un gran fregnone!
[2] l’asceta (visto come onesto e rispettoso delle regole)





A UN COMUNISTA...CREDENTE !
                                   1974
Pochi a 'sto monno so che ve capisce;
nisuno più de me potrà capivve!
A me la cosa, sai, nun me stuoisce
ch'ognuno cià quarcosa da ridivve!
Compagno Emiliano, t'aricordi
le discusioni che noi avemo fatto?
Noantri eravamo dei balordi,
pé un capo accusato d'un misfatto!
Emilià, co te ho da èsse schietto:
nun basta pé ffa er prete e fa carriera,
annà a dirigge come chierichetto!
Chi cià la chiave de l'ottavo piano,
bisognerebbe sempre fa in maniera
prima che entri tastallo  co la mano!
                                             Pierluigi




                  UN BRINDISI
                           2008


La vita è un dono che nun ha arcun prezzo
e le ricchezze tutte de la terra
nun varrebbero a datte un solo pezzo
de la vita che perdi, anche in guerra!”

Sta frase l’ho penzata o l’ho copiata?
Nun lo ricordo più. Ma ha importanza?
Penzate invece a sta bella serata!
Era assurdo mancà a sta circostanza:
vedevve tutti in bon’armonia,

è davero un piacere pé ‘sto core,
che, a mia insaputa, era in agonia;
a vedevve così ripija ardore
e j’aripija que’la fantasia
da regazzino: fa er mattatore!

.In specie si ho bevuto marvasia.

Pierluigi






LA PRIMA RADIO A MORICONE
(rime promiscue moriconese-romanesco)

Permetteteme regà de recalavve
quattro rimacce de rengrasiamendu.
Pe mme è 'na guduria d'usulavve
che me resbeja un certu sindimendu.

So pochi a sapello: ner sessanta
feci la prima radio a Moricone;
trovato sia chi parla che chi canta,
partimmo in quarta co la trasmissione!
Co un'aradio vecchia remeddiata,
era u mestiere meu, per piacere,
cambiènno, pé trasmette l'ho adattata.

E doppo quarche fischio e quarche innesco,
partimmo: “Ecco a voi ER CANZONIERE
DE MORICONE novo, novo e fresco!”
Penzai che pe facilità l'ascolto,
sarebbe stato assai inteligente
piazzame da la Rai un po' discosto:
avremmo coinvorto assai più gente!
Marzio cantava 'nzieme a Gabbriele;
Ragnero e io immece recitèmmo;
Luigino, Romano co' Daniele
faceano 'a gende e 'nzieme applaudèmmo.

Nun è durata manco un trimestre:
Me chiama su in caserma er brigadiere
e dice: “Tócca chiude le finestre!”
Hau scopértu 'st'aradio privata
che non era permessa dau “scacchiere”
pe non ìj drento nui l'émo sfasciata.

Io vojo auguramme, caro Luca,
che questa radio ciabbi mijor sorte!
E spero che lontano ce conduca
e le puntate sembrino più corte.
Vurria che ara gente, ch'è capace,
se buttasse trendo st'avvendura
ma non rrendrasse mai chi è rapace;
sennó sta cósa troppu pocu dura!

Possa sta cosa restà nell'armonia
de chi ha passione pe le cose belle
senza trascenne ne la bramosia
de volesse crompà tre caravelle
e sgommerdavve coa gilusia
e vô fa règge a galla 'e fricelle!
                                                    Pierluigi




 

     A DOMENICO PAOLINI¹
            (che ai 31 de Gennaru der 2020 se ne va in pensione)

       Carissimu Domenico, me scuso:
facemo fenta che a me compète
de rengrasiatte, faccio quist’ abuso
a nome de tutti! ‘O fici p’eu Prete,
che non ze sa se l’anime ha sarvatu;
pé tte, che non ze sa quante perzone,
co tutti ‘st’anni tu ha reddrizzatu,
cou còre ‘o faccio, senza presuzione!
Pure se (non vojo fa u burocrate)
po’ èsse che ce lassi senz’ appiju
(penza tu che te dirria Ippocrate!),
nui te volemo bene com’a’n fiju;
come a ‘n fratéllu! Allora fèrmate,
vorrèmmo ditte, come un bisbiju.
Ma sorvolemo ‘sta cósa funesta
e rerrentremo a ‘nna Comunanza:
margradu tuttu te facemo festa
e te daemo ‘a Cittadinanza!
A nui, sicuramente ce fa onore:
da mó, diventarrai concittadinu;
m’arrèmm’avutu minu batticore,
se stii ‘ngora arréto au tavulinu,
a ffa da cimignera e sfiatacce,
mentre spetti u caffè, tra una e l’aru!…
Io scherzo, tu ‘o sa: dico frescacce:
so Purginella!…Speremo che somaru
non sia chi a posto teu vè a curacce;
e pé parlacce non ce vo u notaru!
Non vojo mancu sta a fa u senzale:
ma unu come te, addó u trovemo
che pocu pocu te sintissi male,
ce corre a visità dovungue stemo?
E ppé firnilla ecco ‘sta manfrina,
permittime de ditte ‘n’ara cósa:
nui t’auguremo da dimammatina,
‘na vita più tranquilla e più gioiosa.
                                                                                                     
Piertluigi
1) Medico condotto per quasi trent'anni a Moricone



U FURNU DE ELIDE E MARIRENA

L’aru giorno, calava  jopp’eu  Mandriu,
passatu u furnu sendo ‘na vocetta:
«Oh! Pierluì…com’è ch’ha fattu i sòrdi,
ch’i vécchi amici mancu ti recórdi?
Pé quant’anni, ioppe ‘sta scaletta,
si curzu senza perde l’equilibriu?
E quante vòte m’ete martrattatu,
che ve facea da lancia deu Crociatu?»[1]
Me fèrmo, me reggiro:’nci sta gnende!
Refaccio un passu arreto: no, gniciunu;
cumingio a ‘mbenzerimme p’ea capoccia!
Allora ‘lla vocetta ce rencòccia:[2]
«Recòrdate ‘e strijate, sarvognunu,
che ve facea tutta quant ‘a gende!»
Me s’è ppicciata ‘a luce
e hó revistu ‘a scena:
munnulu e pa che coce,
Elide e Marirena!
Un via va de gende
che porta ‘o pa ‘nnu Furnu
e ‘na ddora se sende
pé tuttu loc’atturnu!
Quantu sarria bellu ‘ncora óggi
potelli avene quilli privileggi!
                          Perluigi Camilli


[1]  Spesso da ragazzini usavamo “u munnulu” come una lancia quando giocavamo ai Crociati, per la gioia di Elide!

[2]   insiste (da ‘ncoccià=insistere)



U RICÓRDU

      L’unica cósa che non custa gnende,
è quello che da sembre te recórdi
e che sta ‘nzieme a te cuntinuamende:
passassiru cent’anni, ‘nte ne scórdi!
    L’unica cósa che ‘nce pachi tassa;
l’unica che, se regge u cerevellu,
gniciunu te ssa rrubba o t’a scassa;
e che te fa redivendà monellu.
    ‘Sta cósa che chiamemo nui Ricórdu,
pé l’affarista è ‘na cósa sciapa:
non serve a gnende e non rende un sòrdu;
   p’eu puliticande è nostargia,
che regna ‘nne capocce che so rapa:
mejo tenella cchiusa ‘nna scanzia!
   Ma nui che campemo a la giornada,
 u Ricórdu ce serve e ce protegge
da tutta lla gran gende smemorada
che va nnanzi e non ze sa corregge
   perché non se recorda deu passatu:
rennovènno refa ‘a stessa legge
e u Munnu grasie a issu è rruvinatu.
   A èsse smemorati ce comporta
che tra de nui gniciunu se sorregge
e se va nnanzi come gente morta!

                           Pierluigi Camilli

Cerchènno  me s'è refatta 'nnanzi sta poesia che non me recordava d'avé scrittu llàppe er 1960:

QUANNO COJÈMMO A MANI.

       Quanno ‘na vòta èmmo a coje a liva,
partèmmo a branghi com’e pecorelle;
e tutt’a ggente era più giuliva:
cóe toppe ‘nni vistiti, fatte a èlle!

Se cantava,  intanto che cojèmmo,
o se parlava co’ quelle pé terra,
senza penzà quanda ne reportèmmo
e cói stornèlli ce facèmmo a guerra!

Sembre  cantènno ‘a sera revenèmmo
ma suddisfatti d’u lavuru fattu
e d’èsse stracchi mancu ce ccorgèmmo!

Finché ‘na machinétta fece un mattu
che de sicuru tantu più rendèmmo
e ognunu diventò più cazzumattu![1]


Doppu dea machinétta u trattore
ognuno ebbe voja de crompasse;
ammatina sintij un gran rumore
e gniciunu sintii più che cantasse!

Fore[2] è firnito tuttu llu sfraschìu
dea machinétta che stricia ‘nne fronne;
u cantu u crope quillu ticchittìu

deu rastellu che vibbra e se confonne
cou compressore che pare u Balìu[3]

e chi te chiama non je pó responne!

                                         Pierluigi Camilli


[1] allocco, tonto pensando di essere furbo

[2] in campagna

[3] antico personaggio locale che fischiava mentre camminava.


1) A cavallo tra il 1959 ed il 1960, riesumai un giradischi “trasmettitore” che avevo realizzato per evitare, quando ballavamo,  quel via vai di richiesta di esecuzione, scegliendosi il disco tra la pila di dischi vicino al tavolo del giradischi: mi spiego: metti che ballavamo nella rimessa di Adelio, il giradischi era piazzato su nella casa e chi ballava doveva sottostare alla scelta dell'operatore del suono, con meno possibilità di fracassamento del disco (non dimentichiamo che all'epoca c'erano ancora molti 78 giri, in bachelite leggera ed i primi vinilici). Aumentai la potenza in uscita HF e la modulazione e, nelle prove, dal mio primo caotico laboratorio, sotto il Campanile (la mia vecchia casa in Via del Forno) il segnale arrivava fino a Stazzano di sicuro (oltre non la provammo) e l'antenna -con allaccio a ¼ lambda- dal campanile al lucernaio di casa, per la gioia delle scariche atmosferiche. Trasmettevo intorno ai 1200Khz , vicino all'allora “Rete Azzurra”- Programma Nazionale (1107Khz?)-; la scelta fu per avere  più possibilità di “far incespicare qualcuno” durante la ricerca del programma della Rai (incoscienza piena). Infatti fui scoperto perché il Brigadiere si fermò sulla nostra stazione “sentendo cantare Claudio Villa “(era Marzio) in attesa del giornale radio; ma alle 20:10 ancora non era iniziato......un centimetro più in là, il radio giornale era iniziato! E così...” continuò il Brigadiere “ senti, Pierluì, noi non siamo riusciti a scoprire chi fosse...Mi sono spiegato? Ma tu smonta subito tutto e non ne parliamo più!”. Fine delle trasmissioni! Fu così che Marzio (a sigla di apertura e di chiusura era sua), Gabriele Servili, Gabriele Giannini, Raniero Nini, Gabriele Frappetta e non ricordo chi altro “restarono disoccupati”.    È da chiarire che si trasmetteva in AM,  la FM era ancora in fase sperimentale. Poi, negli anni a seguire, la tecnologia cominciò la sua corsa vertiginosa e oltre alla FM facile, si cominciò a permettere l'occupazione dell'Etere con molta facilità e cominciarono le radio private ed anche Moricone ebbe la sua Radio “ufficiale” grazie al gruppo condotto da Franco De Angelis.