Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi. 

POESIA

In queste pagine troverete poesie che più mi garbano, in maggioranza satiriche, dei grandi, dei minori e dei poetastri come me
 (ed anche peggiori!)

SI SA CHE LA PAZIENZA NON È DELLA RETE
MA VOI FREGATEVENE!  e andate ugualmente al MENÚ
<<<<<<<<<<<  PER ENTRARE IN POESIA ANDARE AL MENÚ 

////////////////////////////////////////
UNA POESIA IN MURRICÓNESE RETROVATA:

PENZERI LONDANI....

 Te ne recórdi quanno, da monélli,
facèmmo u giru dell'Acchiesavecchia,
bbitèmmo tutti in che catapecchia
ma 'a sera se cantavanu stornelli?
Te ne recórdi quanno scausi e lérci,
cói carzuni tutti rettoppati
scappèmmo dau Mandriu reggruppati
pé iì a giocà, da Efisio, sopr'ì "sérci"
  (Giorgetto ai mòrgi sucì je dicea,
quanno venea da Roma in vacanza
e 'nzieme a nui strillava e correa)!
  Quante frezzate ai pori passaracci...
Non me pare ce stea tracotanza....
Gnacché perché erèmmo poveracci!...

                            Pierluigi Camilli


///////////////////////////////////



L'ULTIMA NATA:
LA MIA BUONA PASQUA

 


    Ormai le feste, lo sapemo tutti
     invece de portacce la letizzia,
     porteno grattacapi, rogne, lutti
     e lasseno ner core la mestizzia!
      ‘Na vorta Pasqua era scampanìo,
      luce nell’occhi pieni de speranze,
      de rondinelle voli e sfarfallìo,
       aria de Primavera pé le stanze.
      Oggi l’insetti so quasi spariti;
      le rondinelle le cacciamo via;
      spensieratezza e gioia so finiti!
      Oggi c’è solo farza cortesia;
      davanti a trenta pollici, allibbiti,
      festeggiamo ‘na Pasqua d’eresia!
      Ma noi semo quelli ch’aspettamo
      la bona sorte scenne da le stelle:
      pé questo, noi, a commannà mannamo
      quello che fa più tante marachelle!.....
      Speramo che la Pasqua ciariporti
      la Pace in casa e fori de le mura:
      che la finissero de fa tutti ‘sti morti,
      de trattà gente come spazzatura.
      E quanno che viè er Vescovo in Parocchia,
      lo facesse pé amore de la Fede
      e no pé soddisfà la propria spocchia
      e vô la paga, vô la su mercede.
      La piantassimo de penzà ar quatrino
      come fusse la Fonte de la Vita,
      ché quanno poi se spegne er lanternino,
      che ce fai coi sòrdi: pé tte è finita!
      Sia la Pasqua pé tutta la gente
      l’ancora de sarvezza generale:
      facci sparì l’ingordo, er prepotente;
      facci  sparì chi se comporta male;
      facci  capì ar fanatico demente
      che come lui nun c’è antro animale
      e a fa così nun pô risorve gnente!
      Che la Resurrezzione ce conceda
      sempre la Pace e la serenità
      e faccia che ner Monno nun succeda
      più guera de Fede e de Mentalità:
      lassasse a ognun de crede quer che creda!
       
      BONA PASQUA! Puro  a chi nun ce  l’ha!


                                           Pierluigi







INNOCENTE!


11 MARZO 2015
Puro stanotte ho sognato Peppe,
che có la consueta ironia,
m’ha detto:« È er Paese de le zzeppe,
che parte sempre da ‘na sacrestia
che quanno t’arzi dar confessionale
ogni peccato è cancellato via
e pôi ricomincià a far der male,
che tutto passa in cavalleria!»
Me só svejato de cattiv’umore,
perché ner tempo nun cambiamo gnente;
chi più sporca la fa, sarà priore
e chi è onesto nun risorve mai:
così  più sta e più va malamente
e a la fine pé lui só solo guai!

LE MIE POESIE "RIPESCATE":

ANCORA UNA  RIPESCATA:

ER MITRA AMANTE DELLA MITRA?

(sonetto caudato del 28/06/2010 in lizza có A. Ferrara)


Totozzo mio sapessi che figura!

Fu l’antro giorno, pé la Cannelora,

mentre che pijavamo la misura

de quanto l’orlo smerlettava fora,

 

che venne la nipote de don Tito,

tutt’anzimante,  pé la corza fatta.

Saputo che lo zio era sortito,

è corza via come fusse matta!

 

Ch’era successo, l’avemio poi saputo:

la Mitra fusse er mitra se penzava.

Aveva inteso: “Er Vescovo è venuto

 

già er Mitra je vedo da lontano!”

-Cocca mia- lo zio la conzolava

-nun deve da sembratte un fatto strano:

 

ormai se sa, la moda è acquisita,

pé ottené la pace er cristiano

ce deve avé er grilletto tra le dita!


UNA POESIA INEDITA RITROVATA

                                          U Potatóre (1973)


Appena che schiarisce, ‘a mmatina, 
‘a sega ‘mmani e u runciu arret’a schina,
u Potatore parte pé iì  fore,
cioppichènno: ‘nna cossa tè un dolore!

A vedellu, pare mezzu ‘ngandatu;
ma doppu che ‘a pianta ha potatu,
te ccorgi che è come ‘nu scurtore:
l’ha fatta revvivà, j’ha datu u core!

J’ha datu ‘e forme de ‘na signorina.
J’ha datu l’eleganza da signòra.
L’ha fatta divendà ‘na figurina.

Ma issu pare che  non se n’è ccórtu,
non ze fèrma a guardà, ‘sta cósa ‘a ‘ggnòra:
perde témpu a guardà, è témpu mórtu.




UNA MIA POESIA da un fatto accaduto.

L’EQUIVOCO 

U vecchiu stea settato; e gni tandu
pennéa da ‘na parte deu banghittu;
e sùbbitu correa u nepote, Sandu,
u rereggéa e u mettea drittu.
Doppu dall’ara parte se pennea
e pija n’aru nepote u reddrizzava
ma u vecchiu de sta drittu n’a ‘ndennea!
e ‘Ndréa, l’aru nepote se rrabbiava.
« Ma ‘a volete piandà có sta manfrina?!»
sbotta u vecchiu ch’èra ‘mbó ‘ncazzatu;
- Oh, No! ma tu te caschi – je fa ‘Ndréa!
«Un curbu che ve scrocchia ‘ncima a schina,
u cerevellu ddó l’éte lassatu?
Mo unu non pô fà  più ‘na scorrea!

                                Pierluigi Camilli


 





QUANNO RRIVA ‘A VECCHIAJA?

14 agosto 2014

 

“ Quanno viè la vecchiaia, te n’accorgi? “
Me dimmannò nepoteme sfottènno.
- Dipènne se pé strada tróvi i morgi
e se inn’un bastó te va poggènno!
Oppure quanno tu divendi anzianu
e camminènno a un pundu dea  vita,
rindri inn’un cunnuttu fattu stranu
che sta in pianu ma pare sallita…
stu curriduru non sa ddo cunduce
e jó, londanu, se ‘ndravede ‘a luce;
de qua e de lla ce stau tante porte:
se tu drento ‘ste porte non ce guardi
perché ha paura che te se fa tardi,
sta ‘nnà vecchiaia più accóstu a ‘a morte!-

                                      Pierluigi Camilli








‘E LISTE DE L’AMMINISTRATURI

a Murricó e non sólu 

Se l’europei che tengu ‘u commannu,
>putissiru vedé ‘e liste nostre,
dau purtuchese sinu all’alemannu,
capirrianu come vau ‘e giostre!
Non è che nui parlemo e raggionemo,
pé ffà che ésse meijo u paese;
annì redduni nui litichemo
e ‘nnanzi ce mannemo ‘e pretese!
Cucì ‘e perzone che sarrianu adatte,
se mmischianu cò chi vede l’affare
e ‘a carge sciòta s’a vinnu pe latte!
Giostrènnu su u colore de ‘e majette,
u cerevellu u buttemo ar mare
e jamo a governà senza rifrette!
U fattu stranu è che unu a unu,
>pijati a parte, te pô sonà stranu,
sem’un populu che ‘nge tè gniciunu:
tutti ‘nzieme, puzzémo de pandanu!
                      Pierluigi Camilli






La mia 
BUONA PASQUA

PASQUA 2014

vigilia 19 aprile

 


Speramo che ‘sta Pasqua trovi tutti
pronti e disposti a sopportà ‘'sto peso
de abbozzasse che ‘'sti farabutti
ce tenghino cor fiato più sospeso!
Siccome la speranza, è risaputo,
è l’urtima virtù che ciarimane,
speramo fino all’'urtimo minuto
nun ciabbandoni e resti com'’er cane[1]. 
E visto che chiunque va a lo scranno
(nun è per fare l’'urtraqualunquista)
pe lui fa tutto e a noi fa solo danno,
pe noantri c’'è solo ‘'na conquista:
a cominciare dar corente anno
a nun votà proprio nisuna lista! 

II 

La Bona Pasqua mia è proprio questa:
de riuscì insieme, tutti quanti[2],
a dimostrà, có 'sto maldestro gesto,
ch’'ormai se semo rotti li ruzzanti!
così finisca  Grillo, Renzi, Alfano,
Fassina, Santanchè e Berlusconi,
Casaleggio e Nuti, Damiano,
Bersani có Salvini e la Meloni,
Buonanno, Castello e l’antri, tutti,
che da '‘na vita stendeno la mano
ma no pe dà, ma p’'arubacce i frutti!
Vorei fusse '‘na Pasqua più coretta,
coi Nani boni e l’Elfi de ‘na vorta,
speranno che finisca er Brunetta!
Che la Resurrezzione sia ‘na svorta,
de ggente che conosce la gavetta,
che l’'Italia facessero  Risorta. 

BUONA PASQUA A TUTTI            Pierluigi Camilli



[1] fedele

[2] Ovviamente questo discorso è valido SE TUTTI  SIAMO DISPOSTI A FARLO!


OGGI 21 MARZO  INIZIA LA PRIMAVERA
 E.....

PRIMAVERA 1958*

A primavera s’arisveja tutto
e diventa più tenera ‘gni cosa;
insieme a ‘gni arbero da frutto,
fiorisce er gijo prima della rosa.

 Risorteno pian piano le formiche
sempre più accorte e più operose;
pure le rondinelle, nostre amiche,
acchiappeno le mosche più noiose.

L’asino già raja co’ impazienza:
se sa de certo co’ quale intenzione;
er giovinotto perde la prudenza
e s’assicura la contravvenzione!

Perché la primavera è fatta a posta:
sveja cert’istinti e meno male!
ma er viggile lo sa, così s’apposta
e la coppietta resta un po’ de sale!
 

* Scritta nel 1958 quando era vietato baciarsi in pubblico (da ‘na parte bei tempi! S’era giovani…!)

 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map