Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 


 ATTENZIONE! PER  SEGUIRE IL TESTO MENTRE SI ASCOLTA:
Pigiare il tasto destro del mouse sul collegamento RADIO MANZO ; Scegliere apri link su altra scheda, comparirà una scheda audio che va ridotta ad icona SE DOVESSE PRESENTARSI IN PRIMO PIANO (agendo sul trattino in  alto a destra della scheda  ▬ ▀ X ).
RICORDARSI POI DI RICHIAMARE E CHIUDERE LA SCHEDA.

'A SCANZIA DE PIERLUIGI

RADIO MANZO

CERCHÉMO DE CAPÍ …2ª  pundata

  Gende Vaccina buonasera!


Massera  ‘a poesia v’a dico prima come principiu deu discurzu. È ‘na poesia che fici ner millenovecendonovandanove deticada a Murricó.

Eccola;

A MURRICÒ
 1999
                      

Da sopre a ssù collacchiu cóntrólli e vallate,
senza u spauracchiu de grosse scellicate!
Ecco s’è sempre ittu: «non nzo ari cavuli:
se ce sse sbraca un tittu, ène pe’ i taruli!»
Mai viste alluviuni, né terremuti o frane;
 ‘e preoccupasiuni, ecco, so’ ‘e puttane!
No quelle coe sottane: ma quilli che capisciu
e vau coe tramontane, pe’ potecce dà lisciu!
Ma a nui, Murricò, non ce ne frega gnente
a nostra è ‘na passiò, e prescinde da ‘a gente.
Pé nui sì Murricò, chiungue te commanna.
Pé nui sì ‘na passiò : pé nui remani Mamma !
Pure se tante vòte ce remanemo male,
quanno ci sta chi gode se ‘n’aru è ‘n’animale.
Pure se semo tanti a partì pé ‘na mèta,
ma po’ a chiude i cunti remane A cò Zeta
perché durante  a strada, in spece s’è sallita,
‘a gente s’è stufata e tanta se n’è ita;
perché ecco da tene, o caru Murricone,
gniciunu sa spettane: volemo tuttu mone!
Tu ha datu pitturi, poeti e ari artisti,
póchi prufittaturi e tanti oppurtunisti.
Tu sì ‘n miscuju stranu; libertariu razzista
accétti l’ottomanu ma cacci  u progressista.
Pure se ‘a bacatezza da nui è universale,
sì sempre ‘na fortezza e tu ce piaci uguale!
Chi è ch’ha fattu u munnu, sbajatu o ‘nduvinatu:
se tu te guardi atturnu, nui ce l’émo capatu!

       

Diceteme che non è viru! Ma ó vedete quello che succede quanno piove più dell’ordinariu! Supp’ea Licuria, ‘nnà Toscana, nn’e Marche… ‘nzomma ‘mbo dapettuttu pessìnu a Roma, mmece da nui, tutt’ar più se sbraga che lémete e pare chisà ch’è successu!

 A quandu pare, nui non c’émo da preoccupà de gnende, e de gnende ce pereoccupemo, all’infore se, è pure giustu, ce vau male ‘e cerase o ‘a liva; ma quill’ari, a s’are parti, s’au da preoccupà pure che je se sbracanu ‘e casi! E vistu, appuntu, che ce preoccupemo solo de quello che non ce rriva ‘nzaccoccia, è ‘n’abbitutine de non preoccupacce se bande de aspirandi deliquendi sfascianu tuttu quello che che je se fa nnanzi; se da anni condinuemo a non preoccupacce se ‘e cose belle e storiche vengu abbandonate o sbracate de peopositu; se pé ffa cose nove, sfascemo quelle andiche!

Come sarrà che succede tuttu quesso? Cerchemo de capì!.......

Spero de non èsse statu nuiusu, grasie dea pacienzia e aresindicce a’nnà prossima. 


Grazie per l’ascolto e a risentirci alla prossima. Buona notte a tutti.

 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map