Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi. 

LA PAGINA DI  PECIONE
(GIUSEPPE COCCIA) da POGGIO MOIANO
 
 
 

     
                      NOTA BIOGRAFICA
 
 
Giuseppe Coccia detto Pecione nacque a Poggio Moiano il 3 aprile 1882 dove morì la sera del 27 ottobre 1934. Di umili origini, il padre Costantino è bracciante e la madre Ananmaria Renzi contadina; Giuseppe soffre gli anni della fanciullezza per la morte della madre avvenuta il 6 febbraio 1889. Impara presto il mestiere del calzolaio che esercita per tutto l’arco della sua breve vita. Conosce Palma Cicolani che sposerà il 13 settembre 1901. Dalla loro unione nasceranno Vincenzo, Costantino, Carlo, Anna Maria, Nerio, Sauro detto Gino e Torquato Otello. A diciannove anni è ancora analfabeta. Decide di imparare a leggere e scrivere e lo farà tardi e da solo, rubando il tempo al sonno senza sottrarre minuti preziosi alla giornata di lavoro e alla famiglia. Da una poesia in lingua ad un tenente si desume che Giuseppe Coccia prestò servizio di leva. 
 

Le note e le chiose a seguire sono quelle del  libro in mio possesso.
I testi verranno immessi in ordine come sono pubblicati nel testo cartaceo e senza modifica alcuna tranne l'ordinamento grafico e a prescindere dalla mia opinione personale: se mi dovessi attenere alla quale, molte poesie non le avrei inserite; per omaggio all'Autore, che merita, trascrivo fedelmente.
Per eventuali chiarimenti sulla lettura del dialetto vedere su "AVVERTENZE"  

Note del Curatore del libro "PECIONATE SABINE"

 Quantunque alieno da studi letterari, ma nel desiderio di contribuire alla buona riuscita del parto poetico di Giuseppe Goccia — interessante figura di umile calzolaio, di Poggio Móiano —Il sottoscritto ha creduto necessario anteporre alle poesie alcune « avvertenze » indispensabili perché il lettore, oltre essere agevolato nella comprensione delle varie e molteplici differenze ortografiche, metriche e fonetiche del verso dialettale poggiomoianese, in confronto di quello italiano, arrivi a penetrare anche lo spirito ed il valore intrinseco del verso stesso.

 Certamente sarebbe stato necessario uno studio accurato per sviscerare la materia che si compendia nelle poesie del Coccia, come pure riferire sui molti difetti e sulle molte anomalie, nonché sui non pochi pregi di questo dialetto « mezzo ostrogoto », ma ciò potran fare coloro che si dedicano con amore a questa specie di studi che in Italia sono tenuti in molto pregio.

 Però, come osservazione fondamentale, si può dire che il vernacolo' poggiomoianese e in generale il sabino conservano molto del volgare latino da cui provengono (lo dimostra ad evidenza la finale in u di moltissime parole) imbastardito poi dalle assonanze e dalle parole barbariche di tutti i tempi e di tutte le dominazioni passate.

                                      AVVERTENZE
 
CI STO LAVORANDO 
                  INDICE                 e         DEPOSITO POESIE
  1. A Felicetta
  2. A tombola
  3. Ad un amico ignoto
  4. Al duce
  5. Alle reali altezze....
  6. Al sole
  7. Barone
  8. Carestia
  9. C'è l'altrp mondo?
  10. Dialogo tra due buttari
  11. Donna Miseria
  12. Dopo una vera scossa
  13. Due sposi non sposi
  14. E sempre poeta
  15. Farfalletta
  16. Felicetta
  17. Il morbillo e la tosse convulsa
  18. In lode della figlia
  19. L'effetto di un effetto
  20. L'ultima nevicata
  21. La buona stagione
  22. La madre dell'innamorata
  23. La miseria e i figli
  24. Lamento
  25. M'a faccio 'e nève
  26. Maggio
  27. Marito disgraziato
  28. Nevicata in montagna
  29. Ninna nanna
  30. Non più poetare
  31. Notte di veglia
  32. Per la morte del figlio
  33. Per la signorina
  34. Primavera
  35. Risposta dell'innamorato
  36. Sabina
  37. Sonetti d'amore
  38. Stella sabina
  39. Tisico
  40. Tra commari
  41. Un calzolaio affamato
  42. Un celebre strozzino
  43. Una madre modello
  44. Vorrei

  45.  

SABINA
da PECIONATE SABINE

Óanno1a primavera rie più tantu
e gran belle speranze a nui ce porta
prechè a Sabina mea per Cristo santu
con l'antica compagna2 s’è rattorta;
abbandonata cinquantanni ha piantu
schiava d’un’ombra cincialosa e morta:
ma mo’ più bella refrurisce e dunque
mmai più sarrà ’na femmona qualunque
Camo l’ebbe dipinta un cerlu tale:
a Sabina è u desertu de Sahara,
d’ommini senza un filu de morale,
ca po’ chiamasse de gnoranza un’ara;
ma villu ha da sapi ca’ gni animale
benché scia brutta a tana sea gli è cara:
cusci pe nui u terreste Paraisu
repusa ’n sinu da Sabina ascisu.
D’Italia essa ò u fiore più gentile
c’addora d’onestà e da quanno è nata
conserva ancora, l’arte sea civile.
’Nu n massu, o ’n nuna pietra scarpcllala
d’acqua e de vinu forma un gran baccile,
ricca sfonna de crascia, e ’ngrillandata
de live è quasci tutta, e le montagne
so vistute de cerqui e de castagne.
Appensa mo, sotto all’anticu sòle
essa de Roma sprennerà più bella
se vesterrà de civirdà e de scole
ca de stelle ha da esse a prima stella.
Cantanu già tra i campi e le viole
l’amante ’nnamoratu e a pastorella
appassionati ’n queste belle note:
senio romani semo un’atra3 ole.
Venganu su sti critichi mancini
a visita sta vecchia maraviglia,
ddo’ i paesi se bascianu vicini
distante unu dall’atru poche miglia:
i rebusti e 'pacifichi sabini
nun medesimu issame4 fau famiglia,
camo faceanu na Sabina antica
uniti nell’amore e nna fatica.
 Gni cósa ca pa vita è nicessaria
Nulla non ce ne 'manca na Sabina,
Prima de tutto ce tenemo l’aria
ca se a respira un mortu recammina:
pa gente senza sangue e ’n po’ lunaria
Ci sta l’appitituso Ferro-China
Baliva,e chi de vello se beóra
renasce, e pe cent’anni se restora.
 
(1) quest’anno
(2) si è riabbracciata con Roma
(NDR: sicuramente si riferisce all’accorpamento di una grandissima parte dell’Alta Sabina che nel 1923 passò alla provincia di Roma, finché, nel 1927, non fu creata la provincia di Rieti)
(3) un’altra volta.
(4) nella medesima casa.




 

BARONE
da PECIONATE SABINE

Sor barone, barabba, suffione,
non n'te 'nfucane
1 e mica è nicessariu
pe recitane un semprice rosariu
all'Austria moribonda nasione,
ca sfili tu per Dio tante corone.
Quann'essa già sta pe salli u carvariu
da morte: e se u distinu n'è contrariu
chi se ne sparte un tocciu2 e chi un moccone3.
E li scudi ch'a a chiacchiere sbalanzi4
Dalli vurristi a chi a nostra bandiera
a te rcporta triunfante 'nnanzi?
E 'mmece, o merlo, con solenne onore
l'Italia prestu de piantalla spera
propu nu centro 'dell'Imperatore.

 

(1)infocare  (2)pezzo  (3) boccone
  (4)gettare [lanciare lontano]

 





 

AL SOLE CHE RITORNA
da PECIONATE SABINE

 
Doppu ca semo diventati pesci
Oh! lume santu a nui recomparisci,
Ma i razzi ca da e viscere tu pisci         
Paru dell'acqua i ’nfridduliti  spresci1.
E dunque, o sole, più ’nfocatu esci,
I spioiti2 campi stra remmicurisci,
L’Europa tutta n’una pace unisci,
Se ’n to fa ice3: -Bruttu porcu ch’esci4.
Quanno ca faccia d’oro ’n terra ’ncusci5
E chi razzi divini essa renfasci,
Loco dò è più servibile cunusci.
Remira u munnu sotto sopre, i sfasci
E la miseria ritta ni nostr’usci,
0 luce santa ca tra e stelle pasci-.
_________________

(1) acquazzoni (2) impoveriti (3) dire (4) vai via (5)abbassare.


 

NON PIÙ POETARE?
da PECIONATE SABINE

l ca2 me chiamo padre de famiglia
e fane i versi 'gna3 ca me ne svoglia4.
Eppure a puisia pé5 me è 'na doglia
ca 'gniquattro minuti me repiglia7.
Pussibile8 ca mo9 'gna me ne scioglia10?
Allora a me qua' furminu me piglia11.
Maeico12 ell'ora13 ca me misci a briglia14!
E villu tuntu scapol'e s'ammoglia15.
Mo defilacciu16 'e spalli 'gna c'aggruglia17
preché ce tengo 'a serpe 'mme resaglia18!
E a vita mea 'gna se sfatica e sfruglia19.
Ma quanno a' mene20 l'estru se esbeglia21
balanzo gl'iarraìmi a la sbaraglia22
pure i penseri mei23, ddù mila miglia24.

(1) adesso (2) che (3) bisogna (4)che ne levi la voglia (5) per  (6) che ogni  (7)ritorna  (8)è possibile (9)ora  (10)privi (11)qualche fulmine mi colpisce (12)maledico  (13)quell'ora  (14) misi la briglia,m'imbrigliai (15)quell'imbecille scapolo che prende moglie (16) per forza  (17) incurvi (18 )perché c'è mia moglie che sta continuamente ad importunarmi (19) e la mia vita col lavoro bisogna che si consumi e disfaccia (20)me  (21) si risveglia (22) butto via i ferri del mestiere da calzolaio (23) pure i pensieri della famiglia
(24)due mila miglia.

 




 

PRIMAVERA
da PECIONATE SABINE

 

Ecco ca mo’1 revene2  'a  Primavera.

Se remmeste3 ’a campagna, se renflora4

E u sole call'occhiu5 ’a rencolora6

’Nzi i muribundi repiglianu ’a cera.

Tuttu vell’e se troa7  se rennamora;

Qualunque core affrittu8 sgrella9 e spera

Senti u concertu de ranocchie ’a sera

E di cillitti10 u cantu te rencora.11

E s'attuta12 'gni pena forte amara.

Quanno senti vell’aria ca respira

U core ’mpettu te ce se sprapara.13

Pure pre14 mene ’a primavera è scura ;

Prechè me ice15 u core eppò16 suspira

«Fratellu a’ nui ci aspetta ’a17 sippurdura! ».

____________

(1) ora (2) ritorna. (3) rinveste (4) rifiorisce (5) tiepido (6) rende il colore (7) esiste (8) afflitto (9) sta allegro (10) uccelli (11) rinfranca (12) acqueta (13) allarga (14) per (15) dice (16) dopo (17) sepoltura.









 

 

MAGGIO
da PECIONATE SABINE

 

Oh! que jornate1 belle, oh! que jornatc!

Dunca2 te vóti3  è ’n paraisu4 santu;

Se raffìatanu5 l’anime agitate,

Resuscitano i morti a campusantu.

Vidi e piante de fiuri ’ngrillannate6

Ch’è un piacere durgissimu, un incantu.

De mille adduri7 e vie sò ’mbarzamate

E ca non rie8  d’amore ’n ci sta un cantu9

A sera quanno ca tramonta ’u sole

De puisia sbiancicheanu10 i prati

E l’aria te dà l’anflu11 de viole.

Quanno ca leva ’a luna, illu sprennore

Pare ca dica «'Cari ’nnamorati

Venate12  tutti vanti13  a fà l’amore ».

____________

(1) oh! che giornate (2) ovunque (3) ti volti (4) paradiso (5) diventano liete (6) inghirlandate (7) odori (8) ride (9) luogo (10) ridono di poesia (11) il profumo (12) venite (13) quanti.










 

A FELICETTA
da PECIONATE SABINE

 

A gnora1 Felicetta è propu un fiore

Gentile e bella meglio d’una fata

È una palomma2 d’oro jmmaculata

Depenta3 da gl’Ardissimu Pittore.

Se a tenementi4 ell’anima beata

Te fa arrapine ’e viscere du core;5

Pare ’n quell’occhi pini de sprennore6

’A mamma 'e Giasu Cristu spiccicata.

E ’n quella bella grazia ’te ’nnamora

De tutt’e stelle ’n celu ess’è più bella

E’ essa stella c’u sole scolora.

D’un angilu divinu tene e forme!

Con quella dilicata Verginella

Biatu villu chiattu7  ’ce ss’addormc!

­___________

(1) signora (2) palomba (3) dipinta dal più celebre pittore (4) guardi (5) ti penetra nell'intimo del cuore (6) splendore (7) giovane.









 

UN CELEBRE STROZZINO
da PECIONATE SABINE

 

Dal vero

Vill’omminu1  ca pare un cuccudrillu .

Scorteca u riccu e scanna u poerellu2

T’è3  u muccu4  propu5   cam’un picurillu6

E rossu7  ca te cabbi8  c’un monullu.

Se arriv’a ì9  sotto 'e ranchielle10 e villu

E’ com’e quanno cntrasci11  ’nu macellu12

A dapicciallu13 non è mancu un puillu14

E ’mece15  si gli ha da caccià16  u cappellu.

Se occhia17  quacchielli18 po’ spellallu19

Sinente20  ’n si gli ha rusicu u miullu

N’u lassa ì21  c’u pozzanu sventrallu!

Luscì22  nnu munnu23 non ci ni sta nullu

Ma villu jo24  a minuti25 sta a spettallu,

Pre ’ntapanallu do’ vill’atri  vullu.26

_____________

(1) quell'uomo (2) povero (3) tiene (4) muso (5) simile (6) agnello (7) grande (8) scambi (9) letteralmente... ad andare (10) unghie (11) entrassi (12) macello (13) afferrarlo (14) mancu ecc.: non pesa quanto entra In un pugno (15) invece (10) levare (17) adocchia (18) qualcheduno (19) che può spellarlo (20) sinente ecc.: Uno a che non gli ha rosicchiato il midollo (21) andare (22) cosi(23) mondo (24) villu jo: il Diavolo (25) sta ad aspettarlo(26) per ecc.: per cacciarlo dove bollono i suoi sìmili.-





 

AL DUCE
da PECIONATE SABINE

 

Sinu ca tu me chiacchiari da pece
E’ un discursu ca ’ntenno e me compiace;
Da pulitica fìgliu io son ’ncapace1
E d’essa non conosco nulla spece.
’N principiu ogni bell’opera non piace
Anzi s’ammazza o critica chi a fece
Ma doppu, quanno l’ha capita ’mmece
A lodi, apprezzi e te ne fa capace.
Tale ni’ primi tempi au nostru Duce
Tu smormorasti con secreta oce:
- Ma vist’omo l’Italia do a conduce? -
E ’mmece ognuno mo' cunvintu dice:
- Viva chi a Patria ce sarvèo da croce
E ci’a redette libera e filice.
E se non era issu se non era
E durava vell’epoca d’allora,
A Patria nostra se ne gliea a’ malora
O schiava d’una granfia forestera.2
Ma venne christo d’a camiscia nera
Ca disse a tutti: de fìnilla è ora
L’Italia sarva nobile signora
Ca mò e se stessa spadroneggia e’mpera.
L'omo sapiente c’ha dirittu ara
Pascula i figli con paterna cura
Cibi più sani p’addomà3 prepara.
E tu monellu ancora anima pura
V’a scola, studia, studia tantu é mpara,
E vera fede au nostru Duce giura.

1) non sono capace 2) nazione estera 3) per domani



 

ALLE REALI ALTEZZE
Umberto e Maria del Belgio
da PECIONATE SABINE

Se ’nquistu dì con me tenesse Abrile1
Bella vorria de rose e de viole
’Na crillanda ’ntriccià2 centa de sòle
E po’ donalla a Vui Coppia Ginlile:
Vorria sapì un linguaggiu più civile
Sempre villu però de nostre scole
Vorria de Dante l’arte e le parole

E de Petrarca adopera lu stile.
Ma c’una Musa semprice3 e locale
Pace V’augurio e bene a gonfie vele

E un Principino, o Principe Reale
Se a me non consentèo4 sorte crudele
Vedevve ’n carne, decco nu giornale
Ve bascio da monarchicu fidele.


1)Aprile 2)intrecciare una ghirlanda 3)semplice  4)non mi consentì







 

E SEMPRE POETA
da PECIONATE SABINE

 
Tantu u cunsiglio teu .con grazia accoglio
Ca me resbeglia e canta ancora meglio:
Se da tanti pasticci io non me sbroglio
Dormo  ab iternu1 e più non me resbeglio
E quante nótti smaniatu veglio,
Piagno  ca u core e l’anima cordoglio;
Mc ’ngustio e dico: haibò mai più non voglio
Fà  un vcrsu  e vesta idea tra tante sceglio.
Ma se dopu con me me recunsiglio
Subbjtu l’estru  e a Musa represaglio2
’E vcrsu a via du cantu  me rcmbriglio3.
E ’n  quistu Maggiu, spero, se non sbaglio,
C’a primavera e l’alitu repiglio
Contcntu ’n mezzu a fratimi reraglio.

__________
(1) in eterno. (2) riprendo (3) rlproseguo.










 

LA MISERIA E I FIGLI
da PECIONATE SABINE

 
Poeraccio1 me!  co’ cinque o sei monelli
Non saccio2 camo fané pre campalli3
Quanno ca non i pozzo ’ntrattenelli4
Me vcngu5 quasci l’impeti e scannalli6.
E scinci e scauzi m’i tocca vedelli7
Chi mustra e vinocchietta e chin’e palli8
Se scappi a chiée quaccosa e quacchielli9
Fa fenta10 ’e non sentì11 e raggruglia ’e spalli12.
Revaio13 e ’nnanzi a gl’occhi me se mittu14
A me p’à15 pena me se strigne ’n pettu16
Quanno ca dicu « Tàa, dacce un tuccìttu!»17.
J’18 abbraccio sinu l’aio rappracati,19
Se refà notte20 e li remanno a lettu,
Senza magna, camo se so’ rizzati!21

___________
(1) poveraccio (2) so (3) farli vivere (4) far star zitti
(5) vengono (6) di ucciderli (7) e scinci ecc.= laceri e
scalzi li devo vedere (8) mostra i ginocchietti e chi ecc.
(9) se esci a chiedere qualche cosa a qualcuno (10) finge
(11) sentire (12) alza le spalle (13) ritorno (14) mettono
(15) per la (16) stringe in petto (17) dicono; Papà, dacci
un tozzo di pane (18) li (19) sinu ecc.=fino a che li hi
rabboniti (20) ritorna la notte (21) camo ecc.= come si
sono alzati.







   
Vesta maetta ronza1 e vesta tosce2,
Oanno
3 ste criature ’c repulisce4
E strigunia5 ’nun modu e sturdulisce6
Ca paru tante fìcoracce mosce.7
Por’anime nocenti8 e annichilisce
E sfiata
9 e ’ntrona,10 gli fa e perle rosce.11
Biatu i figli chi non i conosce!
Cuscì certi duluri n’ì patisce.
Quanno pa’ vita ill’urticaru gli esce
12
A villi bambinelli drent’e fasce
I storce
13 c’a  vedelli te rencresce.
Ma quanno Dio cuscì l’ha da fa pasce
14
Ca n’o meglio fiurì gli leva 'o cresce15
L'arria da fa murì prima de nasce16.
_________
 (1) maledetto morbillo (2) tosse (3) quest’anno (4) le fa morire tutte (5) le trasforma (6) Intontire (7) sembrano fichi mosci   (8)  in inocenti (9) fa perdere loro il flato (10) le scuote (11) fa diventare gli occhi rossi (12) quelle bolle (13) le fa contorcere (14) il vivere (15) il crescere (10) l’avrebbe da far morire prima di nascere.












 
 da PECIONATE SABINE
 
Ma varda Dio1 con vésta trica2,  varda
Più predeco3,  perdia4, più non me scorda5
Più me ce sfecatello6,  più fa ’a sorda
Ca pozzanu ammazza, mutu7 è testarda!
Se ar casu ’a gniurio8 ’sta troiaccia lorda
Me coce9, me murtifìca10, me lorda11,
Ma se qua razzu mattu me resarda12
’Gna13 gli faccia strillane14 Sursum corda!
Pe famme ì ’n galera ’gni criu m’insurda15
E pe’ da’ sfocu16 a quella lengua17 sverda18
Magara19 pagheria qualunque murda.20
À me me stima minu d’una merda
E la moglie cuscì21  que me resurda?22
Io prego Dio da ’nnanzi ca m’a sperda.23

_______________
 
(1) varda Dio= vedi un po’ (2) tigre (3) predico (4) perdio (5) ascolta (6) perdo flato (7) quanto (8) ingiurio (9) mi sferza (10) mortifica (11) pilotta (12) qua ecc.= se mi salta la mosca al naso (13) conviene (14) gridare basta (15) pe famme ecc.: per farmi andare In galera ogni tanto mi insulta (16) sfogo (17) lunga (18) spiccia (19) magari (20) multa (21) jn questo modo (22) que me ecc.=che utile mi da? (23) da ecc.= che me la tolga d'innanzl.











 

 
 



 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map