.

 LE MIE PUBBLICAZIONI
  IT  ◙ ROM.  ◙ MURR. 

   

<><><><><><><> LA CREAZZIONE DER MONNO  ◙   GENESI      ◙  ER PARADISO NOSTRANO      U VIRU RATTU DE 'E SABBINE      'E RADICHE DE L'OMMINI   ◙   COME VEDO LI DIECI COMANDAMENTI        LA VITA DI SUOR COLOMBA/1°/2°/3° VOLUME <><><><><><>

 
 
 

BEFANA 2019

QUEST'ANNO   PIÙ CHE AUGURI SONO CONSIDEAZIONI


È resaputu: ch’io coa Befana
non ce so itu propiu mai d’accórdu,
perché s’è combortata sembre strana
e non ho mai tinutu bon ricórdu!
   Ha sembre datu più a chi tenea
ch’a villi che pateanu ‘a fame!
Quist’annu invece pare ttè l’idea
che a nui dà l’oro e ai ricchi ‘o rame!
   Fosse, come se dice, ‘a vòta bona
che remette daviro a postu ‘e cóse!
Ma ‘gni tandu se canda ‘sta canzóna
    e ‘nzieme ai spini ce darrau ‘e rose;
ma già ó sapemo : tantu ce coijona,
ch’ognunu reassume ‘e stesse pose!
    Però  dicemo che,  a penzacce bene,
da un pó d’anni non s’ha tutti i tórti;
penzemo   ‘a concorrenza che ce tène:
pé primu ce tè quella dei Morti[1],
    appressu rivarrà Babbo Natale
che je sse porta via n’aru tuccittu!
Pé forza doppu ce remane male
e è peggio de quann’èro  picculittu!
    Quanno ar dungue ‘a capiscio pure,
se ce mettemo pure i cellulari….
se sa che j’aumendanu ‘e paure.
    Tenemoce i ricordi a nui cari,
lassemo perde tutt’e congetture
che i fatti boni so sembre più rari!

Margrado tuttu
BONA BEFANA A TUTTI.     Pierluigi

   

 

[1] Hallowin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



 

BONANNO 2019

 

        ‘Gni annu è a solita manfrina;
‘gni annu repetémo a stessa cósa;
‘gni annu óggi repieghémo a schina
p’avé ‘n’annata più miraculósa!
     Pieghemo a schina pé precà all’Acchiesa;
pieghemo a schina a rispettà u Governo:
pé nui non ci sta gniciuna presa
coi Commannenti né cor Padreterno!
     Se l’Anno che va via lassa ‘e brutture
coi dibbidi,  margratu ‘o precane,
villu novu ‘e sa proceture
s’è picculittu e mangu sa parlane?
     A  l’Annu Novu ch’ è appena natu,
ppéi dibbidi je pesa già a capoccia:
come farrà ‘stu póru cercennatu
a sopportà che nui se fa bisboccia?
     Se fa bisboccia da Duno[1] a Tempio[2],
senza penzà  a ‘a fame che ce ceca;
ar Parlamento ‘mmece fau scempio
pé liticà a fane chi più spreca!
     P’è tradisione nui ci facemo
l’auguri singeri de Bon Annu,
cche tantu tutti quandi ‘o sapemo
ch’a dasse l’auguri non fa dannu!
     Annu Novu, se dice, vita nova:
sperènno che daviro succedesse
e che checcosa ar dungue se rennova.
Come dicea mamma: «Chi ciolèsse[3]
     Quello che spero è che ‘sta tiritèra
sia ‘na c
ósa mea, mea e basta
e che rrivati a diman’assera
coi fatti , me spero, se contrasta!

BUON ANNO A TUTTI,  Pierluigi.

 

 

 

[1] Comune in provincia di Varese

[2] comune in provincia di Olbia

[3] sta per “ e chi ci ferma più!”

 

Piantà  Maggio 2018
 
     Già nell'antichità de 'sta giornata,
n'arbero se piantava p'augurasse
che ogni cosa, poi, sarebbe annata
in pace, amore e senza mai scornasse!
     Poi è arivato l'omo industriale,
che è partito có la lancia in resta,
pé facce crede ner bene e ner male,
che der lavoratore fusse festa!
     Ner tempo poi, se sa, cambia un po' tutto:
'sta festa pija ormai tono canoro
e ha cambiato un po' pur'er costrutto
e s'è chiamata festa der lavoro.
    E oggi che se campa a la giornata
e de lavoro se ne trova poco
la gente la tenemo occupata
cor canto, la cucina e quarche gioco!
     E Maggio nun dovemo più piantallo
perché l'avemio bello che piantato!
Ormai annamo avanti a pappagallo
e a piantalla cianno ormai portato.
     Cianno portato a nun crede a gnente!
Ce porteno a nun crede più a nissuno!
Dovrebbe da piantalla certa gente
de penzà solo a suo modo opportuno!
     Nun  lo so proprio come tu la penzi,
ma ormai sarebbe l'ora de piantalla
 ancora de stà appresso a li Renzi,
li Berlusconi e de tenelli a galla!
                                     Pierluigi







 

 

Pasqua
     PASQUA 2018

Pasqua er Primo Aprile
 
     Fu ner quarantacinque, m'aricordo,
quanno arrivorno qui l'americani,[1]
 Pasqua fu er Primo Aprile: nun lo scordo.
Nooh! Nun vojo fà discorsi strani:
     ciarincontrammo ner cinquantasei,
có que'la sorta de 'na gran gelata,
che da Palermo fino a Ortisei,
l'Italia ciarimase sderenata![2]
     Quest'anno 'n'antra vorta ciarisemo
ch'er Primo Aprile è 'n'antra vorta Pasqua!
Oltr'ar tempaccio ciaritroveremo
     ch'ancora litigamo p'er Governo
có 'na politicaccia finta e sciacqua
e pare durerà in sempiterno!
     Có 'sta premessa, che ciauguramo
quanno che Pasqua cade er Primo Aprile?
È inutile che ciariccommannamo:
va tutto in fumo e tu te senti vile!...
     Però è bene a ripenzacce su,
auguracce lo stesso bona sorte;
lassamo perde tutti li tabù:
ognuno sia tranqullo, sano e forte.
     Speramo che 'sta Pasqua lassi a tutti
un ricordo diverso; un bon ricordo:
che finiscano arfine piaghe e lutti;
     che sia sfatata questa circostanza:
cha Pasqua e Primo Aprile sia un accordo
pé un bene durevole ad oltranza!
BONA PASQUA   A TUTTI       Pierluigi
 
[1] Portarono le Am-lire e fu l'inizio dell'inflazione
“Le am-lire servirono a pagare le spese di occupazione, a spese degli italiani, e contribuirono molto alla poderosa inflazione del 1943-1945, a cui la repubblica dovette con difficoltà porre rimedio nel 1947”, dice Spagnolo. In sostanza, invece di ricorrere alla confisca dei beni di cui avevano bisogno i soldati inglesi e americani, questi venivano pagati con moneta coniata dagli Alleati e battuta secondo le loro esigenze: le am-lire, appunto.
da <https://pagellapolitica.it/dichiarazioni/7704/lam-lira-e-le-monete-parallele>   ( click per collegarsi)
 
[2][2] cominciò a nevicare a febbraio e terminò in aprile con danni enormi per l'agricoltura.
 
 
 


 

befan
LA BEFANA

LA BEFANA SE VENNICA!

Da l'anno scorso ciò rifatto pace!
E  mo ce parlo assai pacatamente,
ma de 'na cosa nun me fò capace:
lei m'ascorta ma penso nun me sente!
Je chiesi me facesse un gran favore,
ma: o nun cià trovato er Principale
oppure nun cià messo tanto ardore;
pô anche èsse er caso esposto male!
In fonno che j'ho chiesto? Guasi gnente!
Je chiesi de st'appresso a le persone
pé falle aggì in modo intelligente,
portannoje carzette belle e bone
da nun sporcacce più er nostro ambiente!
Ma come sempre è un'illusione.
 
Ieri me so dovuto aricrede
perché la notte scorza l'ho incontrata,
in trasparenza pé nun fasse vede
da l'antra gente che l'ha abbandonata.
«Visto che tu te sei aricreduto,
te vojo fà un regalo eccezzionale:
quello de poté ddì che m'hai veduto!»
Io j'ho detto ch'ha capito male....
Sentite che m'ha detto la Vecchietta:
« None regà, io t'ho capito bene!
La mia è sortanto la vennetta
perché ve sete comportati male
e a l'ambiente fate patì pene
p'annà appresso a Babbo Natale!»
 
                      PIERLUIGI

              

☺☺☺ ♣♣♣♣☺☺☺      


AUGURI PE'R 2018

 

Penzo che ve sarrete 'mbó stufati
dei soliti aucuri de Bonannu.
Ficureteve 'mbó chi l'ha penzati
s'a quale sfórzu, se qual'è l'affannu!
A ddàcce l'aucuri è tradisione,
e quésso è bellu che angora dura,
pure se a vedé a televisione
pé sta tranguilli ène 'n'avvendura!
Arristi da st'attente quanno scappi,
che ce stà 'naccidende che je spacca,
quanno che p'augurà, a buttja stappi!
Però che faccio pé fa l'auguri?
'A smorzo, o metto 'na stasione stracca
cucì l'AUGURI paru più sicuri!

 

UN 2018 SERENO E FORTUNATO!


 

 

☺☺☺☺☺☺☺☺☺☺☺




Cià senso dacce ancora er Bon Natale?
Ma indov'è annato allora er Bambinello,
se pé le strade a tutti noi ciassale
un invadente e allegro vecchierello?
Ma er Natale perché se festeggia?
Nun è pé via de Gesù Bambino?
Me lo sapete a ddì indó parcheggia
'sto por'abbandonato Regazzino?
'Sto vecchio e poliedrico barbone,
ch'è nato p'esse santo Nicolao,
ha invaso ormai ogni Nazzione
e cià levato la soddisfazzione
de dì un "Oh!" e ce fa dì "Uao!"(1
e ce sconvorge ogni tradizzione!
 
Si abbastasse questo! È normale
er fatto ch'er Presepe sia sparito
e ce stà l'arberello de Natale
de tante luminarie rivestito?
Torone, panettone, er panciallo
se l'aspettava ogni regazzino;
oggi nun pôi più manco nominallo
in testa je combini un ber casino:
e'regazzino aspetta 'er regalo
che prima je faceva la Befana,
senza che se facesse tanto scialo,
anticipato de 'na settimana:
schiavo com'è de 'sto mercante squalo,
che finge d'avé fede cristiana!
 
Margrado questo, noi pé tradizzione
se damo uguarmente er BON NATALE,
come se fa pé bona educazzione;
la stessa cosa certamente vale
p'er BON ANNO e pé la BEFANA.
Che queste feste portino a ognuno,
in de 'st'epoca, a dir poco, strana
serenità, senza scordà nissuno;
e rasentanno la monotonia,
famo un augurio a tutti quanti:
a chi p'er vecchio cià la nostargia,
a chi cor novo sta cô li mercanti,
a chi s'adatta i cià fantasia.
A tutti: FORZA E ANNAMO AVANTI!
                                          Pierluigi

 

1) Ormai l'esclamazione di sorpresa è diventata "Wow!"


































 

QUEST'ANNO PURTROPPO
È ANCORA VALIDO:






 
 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map