Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 


 ATTENZIONE! PER  SEGUIRE IL TESTO MENTRE SI ASCOLTA:
Pigiare il tasto destro del mouse sul collegamento RADIO MANZO ; Scegliere apri link su altra scheda, comparirà una scheda audio che va ridotta ad icona SE DOVESSE PRESENTARSI IN PRIMO PIANO (agendo sul trattino in  alto a destra della scheda  ▬ ▀ X ).
RICORDARSI POI DI RICHIAMARE E CHIUDERE LA SCHEDA.


COME FACÈMMO  sesta  parte

  Cari radiomanzo ascoltatori buona sera a tutti… come facevamo, come facèmmo,  sesta  parte.

Questa sera vi annoierò qualche minuto in più, visto che parleremo della Befana come la facevamo fino a qualche decennio fa. La cosa più deludente è che, contrariamente a molti paesi che l’hanno introdotta dopo di noi, abbiamo smesso di celebrare la Befana con la Pasquarèlla. I giovani forse non lo sapranno affatto cos’è; sono qua per dirlo e per ricordarlo. La sera della vigilia della Befana, si formava un gruppo di persone (agli inizi, si racconta, erano proprio persone adulte, uomini e donne, con una persona vestita da Befana, a farlo) che giravano per le case, chiedendo offerte di prodotti come salcicce, prosciutto, formaggio, dolci ecc., cantando la Pasquarella e quel che rimediavano, poi ci facevano una “cena di gruppo”. Ancora qualche anno dietro, si era ricominciato con alcuni componenti la Banda Musicale con i propri strumenti musicali a sonarla e cantarla; poi anche questo è finito. Lasciatemi fare una considerazione: questo nostro è un paese che se si comincia  a fare qualcosa, non si usa poi “passare la mano”, cioè se cede il primo animatore di quella qualcosa, non c’è nessun altro che continui! È molto triste tutto ciò, sembra di vivere in un bosco dalle piante finte! Non c’è entusiasmo per le cose che non danno guadagno immediato. Ritorniamo a noi. Dunque la Pasquarella, che ora dirò e –per la gioia delle vostre orecchie- vi accennerò l’aria cantata, si rivolgeva, ad un uomo della casa dove ci si soffermava e se era sposato si diceva “ che tè ‘na bella moje” se era fidanzato “ che ha da piane moje”.   


A PASQUARÈLLA

 
Diman’è Pasqua 
E benedetta sia.
‘Ncima a quillu colle 
ci sta Santa Maria
ci sta Iddio 
co tutti i Santi
e i santi Bernabbei 
e i Santi Bartolommei
Caringò, Caringò
[Tarincò, tarincò ]
Fate bbene se si po’!
Fate ‘mpó de cortesia 
Bbona Pasqua ‘Bbefania!

De chi so le cause 
Che pennu a quella torre
So de ......................  
che tè ‘na bella moije
[Che ha da pijàne moje]
Bella la moje 
Più bellu  u maritu
Rizzate .....................
E dacce ‘mpezzu/tocciu e spidu 
E se cce lla da da’
Non ce fane più spetta’
Caringò, Caringò
[Tarincò, tarincò ]
Fate bbene se si po’!
Fate ‘mpó de cortesia 
Bbona Pasqua ‘Bbefania!

Ha mmazzatu u porcu
Daccene ‘tócciu
Ha mmazzata a porchetta
Daccene ‘na fetta
Se te so revanzati,
dacci ddu ferrati.
E se cce lla da dà
Non ce fane più spetta’ 
Caringò, Caringò
[Tarincò, tarincò ]
Fate bbene se si po’!
Fate ‘mpó de cortesia 
Bbona Pasqua ‘Bbefania!
«Oh palommella,
che ce porti ‘npiccu?»
- Succaro e cannella
battesimo de Cristo
[a cresima de Cristo]
Quanno Cristo
fu battezzatu
[fu cresimatu]
tuttu u monnu 
s’è ll’uminatu
Quanno Cristo 
fu battizzatu
[fu cresimatu]
tuttu u munnu
fu recreatu
Caringò, Caringò
[Tarincò, tarincò ]
Fate bbene se si po’!
Fate ‘mpó de cortesia 
Bbona Pasqua ‘Bbefania!
Ce tengo un somarittu
che non po’ più camminà
fate ‘mpó de cortesia
pe potellu recomprà
che sennó sor Filippittu
non me fa più lavorà.
Butta i sordi da a ringhiera
che ce jamo a ‘a fiera
Caringò, Caringò
[Tarincò, tarincò ]
Fate bbene se si po’!
Fate ‘mpó de cortesia 
Bbona Pasqua ‘Bbefania!

Mo che u Bambinellu
dorme tranquillu.
va nnu caratellu
e famme fa brillu
ma se non ció vô uffrì,
te sse pozza nnacidì.
Caringò, Caringò
[Tarincò, tarincò ]
Fate bbene se si po’!
Fate ‘mpó de cortesia 
Bbona Pasqua ‘Bbefania!

 

Ed ecco, con le mie scuse, l’aria: (accennare la prima strofa).
E normalmente, in base alla vena del cantore ed all’amicizia che c’era si aggiungevano strofe.
Arriva il giorno della Befana e,soprattutto negli anni passati, era la vera festa dei bambini. Oggi si accenna in qualche occasione l’Epifania, vale a dire la Befana, ma sempre meno si coinvolgono i bambini che, diciamo la verità, non hanno più bisogno di questa festa per ottenere qualche giocattolo! Oggi, ogni compleanno ricevono più di quello che gli porterà la Befana che tra l’altro la stanno sostituendo con Babbo Natale! La mattina della Befana, anni addietro, in ogni casa era uno scartar pacchetti, uno svuotar calzette e i bambini non vedevano l’ora di poter andare a vedere cosa avrebbero trovato nella calzetta appesa al camino. E la casa era inondata da pezzetti di ogni cosa; come in questa poesia

‘A mmatina de ‘a Befana.

Che vó vedé cò tutti ‘sti fugnitti,
‘sti bammuccitti, ‘sti furbi ciummacotti,
tra ‘na marea sparza de giuchitti,
sompettà qua e là come scimmiotti.
Mazzinga e Barbi e Purginelle
Carrarmati, pistole e ciufillitti,
comiuncini, ferrari e campanelle,
bambulette parlanti e schiuppitti!
Chi se trasforma e fa l’omo astrale,
chi balla come se ttè ‘e cunvurziuni,
ch’invece porta Barbi a ‘nnù spidale!
Ma quello che più piace, l’ottimale,
so dei durgitti certe cunfizziuni:
e nonna dice che firnisce male!

Quando ero bambino io, fino al 1943 mi pare, c’era la Befana Fascista che veniva distribuita davanti al Municipio, e io mi ricordo solo due volte (prima ero troppo piccolo) e tutte e due le volte sono rimasto sempre deluso e la cosa ce l’ho avuta sempre in mente e queste due mie poesie che seguono la dicono lunga….

'A BEFANA FASCISTA
         (Gennaio 1973)


Pure quist'anno, com'a sempre fattu,
'a Befana ce fa 'n'aru regalu:
come quanno ero 'ncora jattu,
quillu meu 'u porta sempre a 'n'aru!
'A daeanu ‘nnanzi u Palazzu;
tutti a spettà che a nome ce chiamasse.
E Maccaró, co' quella faccia 'e cazzu,
pare che 'a robba sea te regalasse!
Ai fij d'u podestà e a l'ari ricchi,
u treno, u tricicro e pupazzitti;
ai varii Pisció e ai Carlicchi,
'na mantelletta pe' crupisse a schina;
a quilli come me, du' murzillitti,
du' purtucalli co' 'na peraspina!
E che a me, malgrado senta la nostalgia di certe manifestazioni organizzate per questa vecchietta, la Befana sia stata sempre poco simpatica, lo si può capire da quello che le scrivo.

BEFANA '93
(Gennaio 1993)

Pure quist'anno 'ss'ara remmammita
cia' reportatu 'n'aru regalittu:
tasse nove, modifiche a 'nna vita
de chi sta male e non se regge rittu!
Tutti a cantà vittoria ch'au scupertu
callicunu a rubbà 'ddò se commanna:
cazzumatti che sete! J'au rrapertu
quanno a quill'ari j'è firnita a manna!
Epperò, come sempre, a nui ce fau
contenti e cojonati, cari mei:
'n'avvisu,  'n'arrestu; ecco Gennaru;
e ppe' a Befana chi ha da repparane?
Chi a rrubbatu, i sòrdi so 'i séi,
però  retocca a nui a rempizzane!

Però, malgrado tutto questo, mi dispiaace che, pian piano,  venga dimenticata. Anche se ogni anno l’ho trattata male, mi manca! La sua scopa, mi ha sempre dato il senso di appartenerci molto di più delle poderose renne di Babbo Natale!


Grazie per l’ascolto e a risentirci alla prossima. Buona notte a tutti.

 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito pił consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map