Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 


 ATTENZIONE! PER  SEGUIRE IL TESTO MENTRE SI ASCOLTA:
Pigiare il tasto destro del mouse sul collegamento RADIO MANZO ; Scegliere apri link su altra scheda, comparirà una scheda audio che va ridotta ad icona SE DOVESSE PRESENTARSI IN PRIMO PIANO (agendo sul trattino in  alto a destra della scheda  ▬ ▀ X ).
RICORDARSI POI DI RICHIAMARE E CHIUDERE LA SCHEDA.

        'A SCANZIA DE PIERLUIGI

 RADIO MANZO

CERCHÉMO DE CAPÍ…5ª pundata

  Gende Vaccina bonasera!

Come émo ittu da principiu, quann’émo comingiatu ‘sta serie de discurzi, ‘sta rubbrìca mea arria da sirvì, a capì come parlemo e come ce combortemo: e non zembre è facile rrendrà ‘nell’argomendu, quarziasi issu sia, senza urtà gniciunu! Però, quanno tòcca, tòcca! Óggi, però me penzo de ì tranguillu, perché m’è vinutu ‘ngapu, parlènno l’aru giorno cô unu de Palommara, de pija de péttu u verbu “moccicà”= mozzicare/mordere. Mozzicare che, no pé ffa u sapiendò, me pare loggico ce ne vè da “mozzare”. Che immece mordere era ô latinu “mordeo, is- mŏmordis –morsus – mordere”…Va bè, quistu ‘nzistea che sarria da dì “muccica”! Havoja a spiegaje che nui a Murricó non parlemo come Palommara… Allora, siccome ‘a sera io non pòzzo ‘ngora scappà che pe me è friddu, cucì me so missu a fa ‘a decrinasió de “moccicà”[moccicane]:

Infinito= Moccicà; Gerundio= Muccichènno; Participio= Moccicatu

Indicativo Presente= io moccico, tu muccichi, issu moccica, nui   moccichemo, vui muccichete,   issi moccicanu

E fenemola ècco, sennó daviro ce jamo a ‘mbiccia l’appe a crammatica.

Comunque, se ‘stu discurzu ve smove checcósa drento, potemo sembre iì più a funnu, o cerchènno ‘nna grammatica deu Grillo parlante o pé mézzu de RadioManzo.

Certo che massera ce semo iti liggiritti! 

Me scuso dea brevità ma ssì poveracci de Radio Manzo ‘ngora non pozzu pija patta coi tempi che io non pozzo rispettà…pacienzia che ara sittimana. Però, va vojo dà ‘na cosetta che ‘mbó ce fa refrette…..

I CUNZIJ DE L’ESPERTI

 

“A me me pare, Arfré, che tu ‘a capoccia

‘a porti sólu pé spartitte ‘e recchie!

Siguìta a fa sucì, e ‘nnà saccoccia

te ce retrovi porvere e petecchie.

 

Ma ‘a vó capì o no, una pé tutte

non èsse bônu, ch’a stu munnu stórtu

funziona sólu chi fa ‘e cóse brutte

e quilli come te s’au sembre tortu?

 

Svejate damme rètta: cambia strada;

lassa a qull’ari a bonificenza!”

Ma Arfredo, sittu, je dà ‘na guardada

 

e come sembre, cô tanta pacienza

je fa: - ‘Na cósa n’ha penzada:

ssó pijnu èsso pesa ‘nna cuscenza!-

A resindicce a’nna prossima. Bona notte!


Grazie per l’ascolto e a risentirci alla prossima. Buona notte a tutti.

 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map