Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi. 


 ATTENZIONE! PER  SEGUIRE IL TESTO MENTRE SI ASCOLTA:
Pigiare il tasto destro del mouse sul collegamento RADIO MANZO ; Scegliere apri link su altra scheda, comparirà una scheda audio che va ridotta ad icona SE DOVESSE PRESENTARSI IN PRIMO PIANO (agendo sul trattino in  alto a destra della scheda  ▬ ▀ X ).
RICORDARSI POI DI RICHIAMARE E CHIUDERE LA SCHEDA.

'A SCANZIA DE PIERLUIGI

RADIO MANZO

 

CERCHÉMO DE CAPÍ …10ª pundata

  Gende Vaccina bonasera!

Massera vurria capì com'è che ce facemo 'nquattro pé cercà de mette d'accordu tutti a ffa checcósa pé Murricó, reddunemo a ggende pé discorre de come s’arria da fa e mmece de discorre se strilla, se baccaja….perché ognunu de nui tè a verità ‘nzaccoccia!
Non se riesce a finì un discurzu che chéara perzona te somba nnanzi che già ha capitu quello che vurristi dì e dice subbitu a sea (vabbè che a penzacce bè, a nnà televisió succede l’istessu)! E non je la facemo a spettà prima de responne o controbbatte, cucì nasciu, non più ‘e dicussiuni ma ‘e liticate!
 E ‘a discussió arria da sirvì pé rrivà a ‘n’accórdu….defatti, pó, ce retrovemo che alla fine, tutti ‘nzemmora, ognunu fa come je pare! Vui dirrete a che serve ‘stu discurzu! Non ó saccio, m’è vinutu perché certe manifestasiuni che so de ‘na certa rilevanza e belle, non se n’arrianu da fa dua o tre u stissu giorno e quaci ‘a ‘na stess’ora, ovviamende in pósti diverzi: chi va da unu non po’ iì a quill’aru; checcósa s’a perde! Toccarria a pija ‘e ferule da vui de ‘sta radio! Oh!,  non è che v’a vojo dà calla, che tandu  a me non me serve de tenemmeve  de cundu ‘o sapete; è propiu perché me ne so ccortu quanno émo discussu (e m’è toccatu a ddì de parlà più forte che non sendea!) de parlà dea Sabina, so bastati ddu interventi pé lassà da parte certi tituli che cou dialetto sabbinu ce rrendravanu come i cavuli a merènna! Ognunu organizza e ‘nzemmora ce se retrova a camminà su a stessa strada. È cucì che se va nnanzi, sennó non fa mangu un metro e ppo te sfasci! Scusete, ma massera m’ha pijatu cucì. Anzi, ve vojo dine pure ‘a poesia ch’è strana:

 'A PREPOTENZA DELL’IDEE

 non vurria fà rrabbià, chiunque légge!
vurria fallu trebbià, finu a che regge!
Ma quanno scrivo, cumincio có na cósa,
dóppu l’abbrivo ‘a cósa è portentosa:
‘n’Idea se ccavalla a quella che vè appressu,
‘n’a pòzzo più fermalla, tra esse fau procéssu;
tra esse fau a llotta pé chi ha da scappà prima,
chi è fija de mignotta remane sempre ‘ncima!
Eppó certe figure, ‘ste svergognate Idee:
‘nze sa ‘e fregature nnanzi a certe pratee!
A vote ‘a capoccia cerca de controllalle:
ma è come ‘na saccoccia có tutt’i strappi a elle!
Se pari da ‘na parte, scappanu da quell’ara;
certune só senz’Arte e creanu più caciara!
 Drento gonfia m’a sento, pora capoccia mea,
però non me ne pento de tutta ‘sta tropea;
perchene ‘sta capoccia, sia come se sia,
ce prova, ce se pproccia a fa democrasia!
Perché quann’era ‘nfasce ce l’hau bbituata:
chi tè più forza pasce, chi no se sta sdrajata!
Non tutti ce tenemo “Platò”[1] pijnu d’idee
pittóstu un Critudemo[2] pé facce ‘e talee!
Perché ‘a capoccia mea, vardenno tunnu, tunnu,
mai filosofea, respecchia tuttu u munnu!
Non basta avé ‘n’idea che te se schiaffa ‘ncapu:
sarria un’azzalea sopre a’n collacchiu sciapu![3]

 


[1] Il platò (da  plateau) è una cassetta bassa per contenere frutta, qui usato con riferimento a Platone.

[2]  anagramma di Democrito.

[3]  senza vegetazione.



Grazie per l’ascolto e a risentirci alla prossima. Buona notte a tutti.

 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map