Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi. 


 ATTENZIONE! PER  SEGUIRE IL TESTO MENTRE SI ASCOLTA:
Pigiare il tasto destro del mouse sul collegamento RADIO MANZO ; Scegliere apri link su altra scheda, comparirà una scheda audio che va ridotta ad icona SE DOVESSE PRESENTARSI IN PRIMO PIANO (agendo sul trattino in  alto a destra della scheda  ▬ ▀ X ).
RICORDARSI POI DI RICHIAMARE E CHIUDERE LA SCHEDA.


'‘A SCANZIA DE PIERLUIGI
I GIOCHI CHE FACEVAMOI GIÓCHI CHE FACÈMMO 13

I TUFFI 'NNA CAMA  (TUFFARSI NELLA PULA)

  Cari Radiomanzo ascoltatori buona sera,  continuiamo con i vecchi giochi e  massera giochemo a tuffacce ‘nna cama.

Questo era uno dei giochi più assurdi che facevamo.
Oggi, non sarebbe più possibile nemmeno passarci vicino alla “cama” visto che siamo allergici persino al polline dell’ulivo! 
Ma credo sia doveroso spiegare ai giovani (e forse anche a qualcuno meno giovane) cos’è la “cama”. La cama è la pula o la lolla del grano e dei cereali in genere; cioè il residuo della spiga dopo la trebbiatura o per dirla come dice il dizionario: lolla, prodotto costituito dalle brattee (glume e glumette) che avvolgono la granella dei cereali; si produce dal cascame della trebbiatura nei cereali che hanno le brattee non aderenti al granello (frumento, segale) o da ulteriori lavorazioni di quelli che hanno le glumette aderenti (riso, avena). Le lolle si usano per lettiera del bestiame, per imballaggio o, raramente, come aggiunta ai mangimi (per es., quella di avena). La l. di riso (o pulone) che si ottiene dalle prime operazioni di sbramatura si presenta come una massa farinosa, di colore giallo, ed è costituita da sostanze proteiche, grassi, cellulosa, pentosani, sostanze minerali (prevalentemente silicati) ecc.; si usa nella preparazione di materiale isolante da impiegare in edilizia, nella fabbricazione di refrattari, nella preparazione di furfurolo ecc. 
Certo, se avessimo saputo tutte ‘ste cose, da ragazzini, probabilmente saremmo stati più guardinghi e rispettosi nei confronti della cama e forse, chissà, ora siamo allergici proprio perché sappiamo queste cose! 
Appunto! Siccome sapevamo che era, insieme alla paglia, il resto della trebbiatura, per noi era molto divertente tuffarci nei mucchi che rimanevano qua e là per il terreno dopo la trebbiatura. Dal mese di luglio fino alla scomparsa dei mucchi, era uno dei passatempi più in uso (come andare in piscina!); oggi: “Che facemo dimà? Jamo ‘mpiscina?”  Ieri:” Che facemo? Jamo a ffà ddu tuffi ‘nna cama?” Ahó! Ci fosse stato qualcuno che, a parte il gran prurito per la polvere,  che scompariva con una sciacquatina, fosse stato allergico ; e si che c’erano anche residui delle ariste delle glume che sono come spilli, anche se molto fragili.
A questo gioco, poi, ci sono legati dei fattarelli anche un po’ comici; Agustu Pilurusciu (Augusto Milani il fratello di Tullio il pasticcere) era molto coraggioso ed imprudente e si tuffava sul mucchio di cama dai 


rami più alti della pianta, quando al massimo gli altri lo facevano dai primi rami più bassi. Teniamo conto che il mucchio, quando era alto non raggiungeva i due metri e mezzo! Un giorno, non avendo visto il padre che era venuto a ritirare un po’ di cama per i buoi (avevano i buoi), urlando: “Guardete! So ll’omo mascherato!” si butta da un ramo che sarà stato a quattro metri da terra. Emilio, il padre, avendo sentito la voce del figlio, è subito venuto su da noi per portarselo  via …ma Augusto non, diciamo così, riemergeva; dopo qualche decina di secondi, durante i quali ognuno di noi aveva pensato che avendo sentita la voce del padre, fosse rimasto sotto di proposito…qualche secondo ancora e, mi pare fu Mario Latini il primo a cercare di farlo uscire, ma quando scoprimmo la cama, era a terra semisvenuto e vedendo il padre disse con una voce fievole” papà…” «Papà un cazzu! T’ha ruttu l’ossu deu collu!» “ None…” e tentò di rialzarsi ma non ce la fece. Emilio rivolgendosi a noi “ Pijete “l’omo mascherato”  èsso, e portetelu da Cerino vah!  che io vengo appressu”. (Cerino era il medico). Dopo pochi giorni, non era più niente ma ormai la frase era stata assorbita come un avviso di pericolo. E ce ne sarebbero di fatti, ma non possiamo stare qua una serata…
Credo che noi che abbiamo vissuto questi momenti irripetibili, non li dimenticheremo mai, come è deducibile da questa poesia che ho ritrovato proprio giorni fa.

I TUFFI ‘NNA CAMA
Mendrisio(TI) 1970

Ieri so passatu a ‘na piazzetta
de’n paisittu svizzer’italianu 
e me so trattinutu un’oretta
e cou penzeru stea a iì londanu!
Certi bardasci, scì, certi monélli,
come pe tuttu u munnu, io penzo,
steanu a giocane a buscarélli,
arréto all’Acchiesa ‘e San Terenzo.
Me stea a reportà quanno, monellu,
‘zemmora a tutti l’ari bardasciòtti,
a ‘nnù Commendu , drittu au Cancellu ,
facèmmo a’nna cama  i casotti! 
Sa come ha da èsse u cerevellu!
Co tanti penzeracci galeotti,
s’è missu a recordasse da monéllu

E quando vado alla Posta o da Bruno Mozzo (officina Giubettini), mi pare di risentire  “So ll’omo mascherato!”, “Tasto de tulo”, “ Me tuffo a sciufélà” ( e sbatte la testa al tronco).
Buona notte a tutti e a risentirci alla prossima.  



Grazie per l’ascolto e a risentirci alla prossima. Buona notte a tutti.


 
Se avete segnalazioni su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattateci;  ci piacerebbe sentire da voi qualche consiglio o dimenticanza fatta.
Contattare PIERLUIGI
grillo@pcamilli.net


 
  Site Map